Fifth International Conference on Mediterranean Studies

The Representation of the Mediterranean World
by
Insiders and Outsiders

 

Sponsored by
Centro per Studi Mediterranei
Erice, Italy
May 17-20, 2017

 

Organized by
Antonio C. Vitti
INDIANA UNIVERSITY

In collaboration with
Anthony Julian Tamburri,
Jerry Pilarski and Pinola Savalli.  

Foto Erice

“Di qui una sfida antica e grande per l’uomo mediterraneo, quella di costruire collegamenti e contatti, di costruire ponti, di rendere pontos quel mare alto e difficile. Questo sapere non nasce dallo sviluppo tecnologico, ma dall’intersezione della terra e del mare. Fino a quando continueremo a ritenere che lo scorrere verso Occidente sia l’unico moto possibile del giorno e che il Mediterraneo sia solo un mare del passato, avremo puntato gli occhi nella direzione sbagliata e il degrado che ci circonda non cesserà mai di crescere.”

(Franco Cassano, Il pensiero meridiano, 47)


MAY 17 – Wednesday


19:00

Omaggio a
Totò

Totopseudonimo di Antonio Griffo Focas Flavio Angelo Ducas Comneno Porfiro-genito Gagliardi de Curtis di Bisanzio (brevemente Antonio de Curtis) (Napoli, 15 febbraio 1898 – Roma, 15 aprile 1967)


SCREENING of

GUARDIE E LADRI (1951)

At Teatro Gabel Hamed

Guardie_e_ladri


Scheda del film

Regia: Steno, Mario Monicelli
Soggetto: Piero Tellini
Sceneggiatura: Brancati, Fabrizi, Flaiano, Maccari, Monicelli, Steno
Fotografia: Mario Bava
Scenografia: Flavio Mogherini
Musica: Alessandro Cicognini
Montaggio: Adriana Novelli
Aiuto regia: Mario Mariani
Direttore produzione: Bruno Todini
Produzione: Ponti-De Laurentis-Golden Film, Roma
Durata: 100 minuti


Interpreti e personaggi

Interpreti e personaggi:
Totò ( Ferdinando Esposito )
Pina Piovani( Donata, sua moglie )
Carlo Delle Piane ( Libero, suo figlio )
Ernesto Almirante ( Carlo, il padre di Ferdinando )
Gino Leurini ( Alfredo, il cognato di Ferdinando )
Aldo Fabrizi ( il brigadiere Lorenzo Bottoni )
Ave Ninchi ( Giovanna, la moglie del brigadiere )
Rossana Podestà ( Liliana, la figlia del brigadiere )
William Thubbs ( mr. Locuzzo )
Mario Castellani ( il tassista )
Aldo Giuffrè ( Amilcare, il professore )
Armando Guarnieri ( il barbiere )
Pietro Carloni ( il commissario )
Paolo Modugno ( Paolo Bottoni )
Giulio Calì ( il mendicante )
Ciro Berardi ( l’oste )
Gino Scotti ( il vice commissario )

Altri interpreti:
Rocco D’Assunta, Ettore Jannetti, Aldo Alimonti,
Riccardo Antolini, Aliad cappellini


Soggetto, Critica e curiosità

Soggetto
Il ladruncolo Ferdinando riconosciuto dall’italo americano Locuzzo per avergli rifilato una patacca viene inseguito dal sergente Bottoni ma riesce a scappare.Il sergente ,in borghese,tende una trappola di danni di Ferdinando facendo entrare in intimità le due famiglie.In occasione di un pranzo conviviale Ferdinando cade nel tranello ma Bottoni non se la sente più di arrestarlo.Il ladruncolo consapevole che con quel gesto il sergente perderebbe il propio posto di lavoro si fa portare a forza in questura.

Critica e curiosità
Il film inizialmente doveva essere girato da Luigi Zampa che infatti ne diede annuncio nel ’49 , il regista voleva assegnare la parte della guardia a Peppino De Filippo e quella di sua moglie ad Anna Magnani , ma dovette rinunciare al film perche’ in precedenza alcuni sue pellicole suscitarono proteste e numerosi tagli dalla censura e temendo che anche questo suo nuovo progetto subisse la stessa sorte rinunciò al film . In realta’ i timori di Zampa erano fondati , infatti sebbene le riprese dei registi Steno e Monicelli iniziarono il 3 febbraio 1951 il film a causa dei guai della censura usci’ nela sale quasi alla fine dell’anno . La commissione censura infatti mal tollerava che un agente di pubblica sicurezza familiarizzasse con un delinquente , e che un ladro si facesse mettere in prigione per aiutare una guardia . Alla fine la commissione ottenuti alcuni tagli e modifiche diede il via libera. Una curiosita’ : nella scena dell’inseguimento all’Acqua Cetosa dove Fabrizi insegue Totò , capita che vi si trovini di passaggio due carabinieri che al grido di Fabrizi ” Al ladro! Fermatelo ! ” estraggono le pistole e sparano in aria alcuni colpi nel tentativo di intimidire il fuorilegge . Totò tremante di paura si ferma di colpo aspettando l’arrivo dei militi che resosi conto della finzione scenica accampano scuse e giustificazioni , alla fine se ne vanno con l’autografo dei due attori . Il successo del film fu immediato e strepitoso : Totò per la sua interpretazione ottiene il Nastro d’Argento e a Cannes il film viene premiato come migliore sceneggiatura . ” Guardie e ladri ” viene presentato in Uruguay , poi in Francia e in Belgio , in Egitto , in Gran Bretagna e Turchia e persino a Pechino. Anche la critica, quella che da sempre avversava Totò, dovette arrendersi: e per la prima volta un film di Totò ottenne solo critiche positive.



 

MAY 18 – Thursday

9:00 – 9:15

Start of the Conference: Welcoming Remarks from
Dottor Giacomo Tranchida, Sindaco di Erice


9:30 – 10:30

Keynote Speaker
Marco Olivieri
Giornalista professionista e critico cinematografico

Il cinema di Roberto Andò: un labirinto di memorie e segreti

*Presentations are limited to 20 minutes


10:40 – 11:30

Miti e Culture Mediterranee

Chair: Antonio C. Vitti,

Speakers:
Maria Rosaria Vitti-Alexander, Nazareth College, “Dalla fame alla fama: da un piccolo paese ciociaro al mondo artistico di Montparnasse”

Alicia Vitti, Indiana University, “Riflessioni sulla rappresentazione mediatica e cinematografica del terremoto. “ 

 

11:40– 12:50

Miti Mediterranei

Chair: Maria-Rosaria Vitti-Alexander

Speakers:
Viktor Berberi, University of Minnesota, Morris, “Reevaluating the Sicilian Landscape in the Works of Danilo Dolci”

Antonio C. Vitti, Indiana University, “L’italianità e il Duce descritti da “Insiders and Ousiders.”

 

13:00 – 15:30

LUNCH

 

16:00 – 17:20

Keynote Speaker
Director Francisco José Fernández

“Dalla pagina allo schermo: esercizi di sceneggiatura”

Dalla pagina allo schermo

Francisco José Fernández (Sceneggiatore, Regista)
Nasce a Tarragona, in Catalogna (Spagna), il 26 ottobre 1954.
Interrompe gli studi di Ingegneria.
Frequenta l’Accademia d’Arte Drammatica.
Risiede in Europa e in America, prima di stabilirsi ad Oxford, dove approfondisce i suoi studi sulla cinematografia.
Nel 1981 si trasferisce in Italia e si naturalizza.
Dal 1984 al 1990 collabora all’organizzazione del Premio Internazionale di Cinema, Teatro e Televisione “ENNIO FLAIANO”.
Negli stessi anni realizza le seguenti regie teatrali:
“Georges Dandin”(Moliere), “La Mandragola”(N. Machiavelli), “La Vedova Scaltra”(C. Goldoni), “Il Malato Immaginario”(Moliere), “Amleto”(W. Shakespeare), “Titus Andronicus”(W. Shakespeare).

Filmografia:
“TI VOGLIO BENE EUGENIO”
Lungometraggio, 35 mm, durata 95’
con Giancarlo Giannini, Giuliana De Sio, Jacques Perrin
Regia, Soggetto, Sceneggiatura
– Premio del pubblico al festival di Palms Springs 2002 (Cal. U.S.A.).
– Miglior film e miglior attore protagonista (Giancarlo Giannini) al festival di
Newport Beach 2002 (Cal. U.S.A.).
– David di Donatello 2002 al miglior protagonista maschile (G. Giannini).
– miglior regista (opere prime e seconde) e miglior protagonista maschile
(G. Giannini) al Wine film festival 2002 (California).
– Premio Atlantide 2003 (“al film a più alto contenuto sociale”) a L’Altro
Cinema Film Festival – Festival Internazionale della Cinematografia
Sociale.
– Premio Flaiano per il Cinema ( G. Giannini)
– Premio Flaiano per il Cinema (F. J. Fernández)
“GLI EXTRA…”
Lungometraggio, 35 mm, durata 87’
con Renato Scarpa, José Quaglio, Brigitte Christensen
Regia, Soggetto, Sceneggiatura
– Premio “Roberto Rossellini” al Festival Internazionale del Cinema di
Salerno (1993).
Sceneggiature in attesa di realizzazione: “Un tango a mezza luce”, “Scarpe Nere”, “Gli insoliti racconti del dottor Mirabilia” (Serie TV), “La notte della leggenda nera” (Film TV–coautore del soggetto).


19:00

SCREENING of

TI VOGLIO BENE EUGENIO (2002)

At Teatro Gabel Hamed

Con la presenza e partecipazione del regista 

ti voglio bene eugenio


Scheda del film

Regia/Director: Francisco José Fernández
Soggetto/Subject: Francisco José Fernández, Stefano Pomilia
Sceneggiatura/Screenplay: Francisco José Fernández, Stefano Pomilia
lnterpreti/Actors: Giancarlo Giannini, Giuliana De Sio, Jacques Perrin, Anna Maria Petrova, Chiara De Bonis, Arnoldo Foa, Riccardo Garrone, Alfredo Scarlata, Giada Colonna, Orsetta De Rossi, Leonardo Ruta, Aurora Cancian, Danilo Volponi, Mario Rellini, Maria Elena Mastrangelo, Marco Venienti
Fotografia/Photography: Luciano Tovoli
Musica/Music: Umberto Smaila, Silvio Amato
Costumi/Costume Design: Enrica Barbano
Scene/Scene Design: Giuseppe Grasso
Montaggio/Editing: Francesco Malvestito
Produzione/Production: Arcipelago Cinematografica
Distribuzione/Distribution: Lantia Cinema & Audiovisivi
Vendite all’estero/Sales abroad: Adriana Chiesa Enterprises
censura: 95969 del 16-01-2002
Altri titoli: Eugenio I love you, Eugenio, Je t’aime


Trama


Trama: Eugenio è un uomo Down, tranquillo, affabile e sornione. Vive da solo e lavora come volontario in un Centro Traumatologico: ora deve pensare a Laura, appena uscita dal coma nel quale era piombata in seguito ad un incidente stradale. A Laura è legata Elena, l’amica del cuore di Eugenio amata in segreto e senza speranze, che lasciò il paese da adolescente per sposare l’uomo molto più grande di lei che l’aveva sedotta e dal quale aveva avuto una figlio., Laura, appunto. Elena non rivela ad Eugenio il vero motivo del proprio ritorno a casa e lui scopre tutto e non ci sta. Quello che Eugenio ancora non può sapere è che Elena tornerà da lui, per chiedergli, questa volta sinceramente, amorevolmente, aiuto e perdono. Tutto sarà possibile tra i due …
Sinopsys: Eugenio is a disabled person that works in a hospital in the rest home for accident victims. When a girl is entrusted to his care, he will even save a young person’s life. As the hospital staff watch on in astonishment, only Eugenio, with his kindness appears to hold the key to making that girl want to live again. By a strange twist of fate, Eugenio’s ward will even draw his old childhood sweetheart back to their hometown, and even to his own front door …




MAY 19 – Friday

09:00 – 10:20

Cinematic Representations of Mediterranean Culture
and Italy Perceived and Seen in American Classrooms
Round Table and Presentations

Chair: Antonio C. Vitti 

Speakers:
Anthony Tamburri, Calandra Institute

Antonio C. Vitti, Indiana University

Alicia Vitti, Indiana University

Maria Rosaria Vitti-Alexander, Nazareth College


11:30 – 12:20

Mediterranean Identities

Chair: Maria Rosaria Vitti-Alexander

Speakers:
Ilaria Parini
, University of Milan, “I’m a Man. I got a lot of Hormones in my Body” The Italian Womanizer in Kasdan’s I love you to death

Anthony Tamburri, Calandra Institute, “Re-thinking Labels, Re-working Paradigms: Who is the Post-World War II Italian Writer?”

Assunta De Crescenzo, Università Federico II di Napoli, “Tra personaggi, fantasmi e attori: La passione e il limbo in Luigi Pirandello, Eduardo De Filippo e Ferzan Özpetek.”


13:00 – 15:30

LUNCH

 


16:00 – 17:20

Mediterranean Diversities

Chair: Daniela Privitera

Speakers:
Rosario Giovanni Scalia, Liceo Classico, Mario Rapisardi” di Paternò, “Società della vergogna e società della colpa: per un’antropologia delle mafie”

Daniela Bombara, Università di Messina, “Incontri, scontri, inattese sinergie fra Sud e Nord in alcune opere di Pirandello, Messina e Martoglio”

Giuseppe Spathis e Fabio Prestipino,  Liceo Archimede, Messina”  Sicilia fantastica e cultura giovanile, fra passato e presente


17:30

Prof. Egidio Pagano
Preside, Istituto d’Istruzione superiore “Mario Rapisardi“

“La scuola come mezzo per l’incontro dei popoli”



19:00 – 20:30

Wine Tasting
@
Villa San Giovanni



21:30

SCREENING of

GLI EXTRA (1992)

At Teatro Gabel Hamed

Francisco José Fernández 


Scheda del film

Regia/Director: Francisco José Fernández
Soggetto/Subject: Francisco José Fernández Rodriguez
Sceneggiatura/Screenplay: Francisco José Fernández Rodriguez
Interpreti/Actors: Renato Scarpa, Brigitte Christensen, José Quaglio, Paolo Bernacchioni, Marco De Stefano, Aldo Pomilia
Fotografia/Photography: Sandra Mancori
Musica/Music: Aldo Sferra
Costumi/Costume Design: Sabina Tani
Scene/Scene Design: Sabina Tani
Montaggio/Editing: Tullio Pascucci
Produzione/Production: Romana Movies
censura: 87354 del 09-01-1992
Altri titoli: The Extras


Trama

Trama: Il personaggi: Antonio, vecchio reduce della seconda guerra mondiale, zoppo, con il pensiero ricorrente al giovane soldato suicidatosi davanti a lui; Angelo, ex orologiaio, carattere infernale e quasi cieco; Tobia, malato mentale. Antonio, sempre ubriaco nei dintorni della stazione ferroviaria, gli altri due in giro alla ricerca di cibo. Un giorno, i tre troveranno Maria, alcoolizzata all’ultimo stadio. Sarà portata in ospedale, curata e in breve tempo dimessa. Angelo se ne innamora. Di ritorno nella casetta – dove vivono, ciascuno si stende nel suo materasso, Maria al fianco di Angelo. Sono molto felici in quegli attimi, fanno l’amore. Angelo si addormenta, Maria a beve l’ultimo sorso da un barattolo di birra e, ubriaca, si addormenta anche lei. Il mattino dopo la trovano senza vita. Angelo non ce la fa, scappa. Vorrebbe rifugiarsi in chiesa, ma non ci entrerà. Non trova conforto. Nel cimitero davanti a Maria per l’ultimo addio, non trova più senso alla sua misera esistenza e si toglie la vita, gettandosi sotto una macchina. La vita continuerà per Antonio e Tobia come se niente fosse successo: sono dei barboni.
Sinopsys: Antonio is an old World War II veteran with a limp, plagued by the recurring memory of the young soldier who committed suicide right before his very eyes. Angelo, an ex-watchmaker, has a hellish personality and is almost blind; Tobia is mentally ill. Antonio hangs around the train station every day, always drunk, while the other two wander around in search of something to eat. One day, in a huge junk yard, the three tramps find Maria, an alcoholic who’s reached the end of the line. She is taken to the hospital, treated, and released in a short time. Angelo falls in love with her. When they return to the little house where they live each one ties down on their little mattress, Maria by Angelo’s side. Maria takes one last sip from a can of beer a net, drunk again, she falls asleep. The next morning they find her still lying there, lifeless. Angelo can’t take it, and he runs away. In the cemetery, after he bids Maria a last goodbye, he can no longer make sense of his existence. He takes his own life, throwing himself underneath a passing car. For Antonio and Tobia life goes 
on as if nothing ever happened: they’re bums 




MAY 20 – Saturday

9:00 -10:40

Theater, Literature and Mediterranean Culture

Chair: Antonio Vitti,

Speakers:
Daniela Privitera, Liceo Classico “Mario Rapisardi” di Paterno’, “La Grande Madre Mediterranea e l’enigma dell’anima italiana. Metamorfosi di un mito dalla letteratura alla politica”

Luca Cipriano, “La Sicilia di Rossellini, tra neorealismo e ascesi”

Cinzia Gallo, Università di Catania, “La Palermo mediterranea di Santo Piazzese”

Trinis A. Messina Fajardo, “Voces sin rostro y peregrinos del mar en busca del paraíso: odiseas migratorias en la reciente narrativa española y latinoamericana”


11:00 – 12:20

The Mediterranean Otherness

Chair: Maria Rosaria Vitti-Alexander,

Speakers:
Mario Inglese, University of British Columbia, “La “casa a cielo aperto”: Metafore palermitane nella narrativa di Giorgio Vasta.”

Mavie Parisi, “Mediterraneo e Donne. Noi siamo Desdemona, dal delitto d’onore al femminicidio”

Leila Hannachi, “I Diritti Umani tra universalità e specificità araboislamica. Realtà a confronto”


12:30 – 13:30

Keynote Speaker
Dott. Domenico Palumbo
Sant’Anna Insitute Sorrento

“Limen, Limes, τόπος: il luogo Mediterraneo della prossimità”


13:00 – 15:20

LUNCH



15:30 – 17:10

Southern Stories

Chair: Daniela Privitera

Speakers:
Abdelkarim Hannachi, “Università degli Studi Kore di Enna, “L’Europa e l’Islàm: Interrogativi sul dialogo interreligioso”

Francesco Scaglione e Roberto Sottile, Università degli Studi di Palermo, “Tanti popoli, una lingua comune. Aspetti socio-linguistici della lingua franca del Mediterraneo.”

Lucilla Bonavita, Istituto Statale N. Machiavelli, “Multiculturalità e plurilinguismo nella raccolta “Mediterranee” di Umberto Saba”

Younasse Tarbouni, Washington University in St.Louis, “The effects of the recent Arab Social movements on the Arab Diasporas: The case of Moroccan Diaspora’s Political representation Between Myth and reality.”


18:00

Spettacolo teatrale 

At Teatro Gabel Hamed

Circe, un mito mediterraneo

Racconto semiserio per voce femminile

di e con

Isabella Carloni

“Circe” racconta, in forma di affabulazione per canto e voce, l’altra faccia del mito della maga terribile che Ulisse incontra nel suo lungo viaggio di ritorno a casa, e offre, attraverso un originale percorso teatrale tra il serio e l’ironico, un punto di vista imprevisto sul più maleodorante degli animali, il maiale.
Intrecciando dentro un’unica trama canto e mito, dramma e commedia, l’attrice piega anche pezzi del suo archivio teatrale a sostegno di una lettura parallela, imprevista e sibillina del famoso mito della maga, una lettura tutta al femminile.
Che c’entra Circe con le Sirene? e il Mar Rosso con il pittore Piero della Francesca?
Lo spettacolo evocando Omero e Pavese, Ibsen e commedia popolare, suggerisce un’altra percezione della storia e del tempo e insinua il “dubbio” che il nostro mondo moderno abbia dimenticato, lungo la strada del progresso, la preziosa ricchezza della differenza e dell’”altro”.

Presentazione
In viaggio tra mito e costume lo spettacolo osa sbirciare sotto il velo che ricopre la demonizzazione del corpo e della seduzione femminile.
Nella nostra cultura, nei suoi simboli e nelle sue paure, si nascondono, infatti, le tracce di un’antica esperienza, che, in un tempo lontano, non temeva l’incanto amoroso e il gioco della seduzione.
In forma di affabulazione dall’andamento epico per canto e voce lo spettacolo lascia affiorare la voce di un altro rapporto tra umano e divino, di un’altra visione della vita e del tempo, presso cui dissetare, oggi, il nostro sguardo, avido di stupore.
Emergono così nella trama del discorso connessioni sotterranee e affiorano sulla scena figure e storie che si intrecciano con il nostro contemporaneo offrendone squarci di senso imprevisti in una conversazione ammaliante e popolare al tempo stesso.

N O T E  D I  R E G I A
Il mito non è una storia inventata, un sapere falso, è una conoscenza diversa, un altro modo di raccontare la storia.
L’Odissea ci racconta che Circe, la maga seducente dalla lunga capigliatura e dalla voce suadente, riceve nel suo palazzo, tra le fiere selvagge, in un’isola fuori del tempo e dello spazio, i compagni di Ulisse e li inganna con i suoi incantesimi trasformandoli in porci.
Soccorso dagli Dei, Ulisse, potrà salvare i suoi compagni, godere dell’amore della maga e ottenere da lei anche l’aiuto per superare altre prove pericolose nel suo lungo viaggio.
Fin qui la versione del mito da parte di Omero nell’Odissea.
Ma, ad uno studio parallelo, la maga astuta e pericolosa che l’eroe incontra nel suo lungo viaggio di ritorno a Itaca, si rivela, in realtà, l’antica dea di una religione scomparsa, legata ai cicli della natura e della rinascita e celebrata nella sacralità del maiale.
E i suoi incantesimi, più che le malie di una fattucchiera ricordano piuttosto quegli antichi culti della dea madre che celebravano, in tutta la natura, la potenza trasformatrice dell’amore
Emerge così, tra le pieghe del mito, un sapere nascosto e dimenticato che offre un punto di vista inaspettato sul più maleodorante degli animali e apre uno squarcio imprevisto sul senso della famosa trasformazione in maiale, alla quale Ulisse riuscì a sfuggire.


20:00

Closing Dinner Gala at Villa San Giovanni

Menù:

Antipasto:
Conchiglie di insalata di mare
Frittelline di neonato
Sarde a beccafico


Primi:

Risotto con zucchine e gamberetti
Busiati alla mediterranea, con dentice, pomodorini di Pachino, melenzane e mentuccia


Secondo:

Trancio di pesce spada al salmorigano con patate prezzemolate
oppure se disponibile
Trancio di tonno agli agrumi di Sicilia con insalata verde

Dolce:

Cassata siciliana


Frutta:

Fragole al marsala


Vino, Acqua minerale, caffe’, liquore

 

 

MAY 21 – Sunday

 

OFFICIAL DAY OF DEPARTURE

Buon viaggio e grazie!
Da Antonio Vitti, Anthony Julian Tamburri e dal
Mediterranean Centre for Intercultural Studies

 

*Si ringraziano: il Sindaco di Erice Dottor Giacomo Tranchida, Jerry Pilarski, Pinola Savalli e tutto il personale del San Giovanni per la gentile collaborazione.

 

MAY 21 – Sunday/MAY 22 – Monday

 

Scansione del workshop conclusivo del progetto

“Guardando l’Italia”

realizzato in convenzione tra il Centro Studi del Mediterraneo di Erice e l’I.I.S. “M. Rapisardi” di Paternò (LSS –Biancavilla), in seno al progetto di ASL (Alternanza Scuola – Lavoro)


SABATO 20 MAGGIO, ore 18:00 circa

Arrivo degli studenti e dei docenti tutor


DOMENICA 21 MAGGIO, ore 17:00 circa

PRIMA SESSIONE – LINGUA DI LAVORO: INGLESE/ ITALIANO

Intervento Prof. Vitti e tutors (presentazione del progetto in convenzione con il Centro Studi Mediterranei)
Presentazione dei lavori svolti dagli studenti durante il percorso scolastico (a cura degli stessi autori)
Istituto d’Istruzione Superiore “Mario Rapisardi” di Pater
I ragazzi dell’Istituto d’Istruzione Superiore M. Rapisardi – Sede di Paternò

PRESENTANO

Analisi e recensioni dei film visionati durante il percorso (Presentazione in italiano e in inglese)

I SESSIONE
La Siciliana ribelle ( M. Amenta ) e Gomorra ( M.Garrone ) :
Percezione della legalità tra Periferie e Degrado.

Relazioni e PPT ( a cura degli allievi)

Le chiavi di casa ( G. Amelio )

Cinema e disabilità
Relazioni e PPT ( a cura degli allievi)

L’Assedio ( B. Bertolucci)

Storia di un’integrazione possibile

Occidente e incomunicabilità : due mondi , due civiltà , due culture .

Relazioni e PPT ( a cura degli allievi)

 

SECONDO GIORNO: LUNEDI 22 MAGGIO

I ragazzi dell’Istituto d’Istruzione Superiore “M. Rapisardi” – Sede di Biancavilla

PRESENTANO

La Siciliana ribelle ( M. Amenta ) e Gomorra ( M.Garrone )

“Gli adolescenti siciliani e la percezione della legalità nel territorio”

Presentazione e analisi di un Sondaggio sulla percezione della legalità somministrato ad un campione di adolescenti tra i 14 e i 20 anni. (Interviste e sondaggio realizzato a cura dei ragazzi ) 
Relazioni e PPT

II SESSIONE
Arte, cinema e letteratura
Analisi contrastiva tra film , quadro e libro dei film visionati nel percorso
La Siciliana ribelle ( M. Amenta ): Confronto con Giuditta e Oloferne ( Caravaggio )
Gomorra ( M.Garrone): Confronto tra Libro ( Saviano ) e Dipinto Gli Scugnizzi
( Vincenzo Gemito )
L’Assedio ( B. Bertolucci ): Analisi e Confronto tra film e dipinto Les demoiselle d’Avignon
(Picasso )
I ragazzi di Via Panisperna ( G. Amelio ) : Confronto con il dipinto, Gala (S. D’Alì)
Le chiavi di casa ( G. Amelio ): Confronto tra libro (Nati due volte di G. Pontiggia ) e le opere di Frida Kahlo.

III SESSIONE
What we know about love ….
L’amore nelle sue diverse manifestazioni attraverso i film visionati nel percorso
Relazioni e PPT ( a cura degli allievi )

IV SESSIONE
Rappresentazione della famiglia attraverso il percorso dei film analizzati e visionati
Relazioni e PPT ( a cura degli allievi )


 

Important information

Important information for all the participants: Registration fee 50 euros to be paid at registration at arrival in Erice
Publication fee 35 euros only for those who are planning on publishing their presentations – To be submitted by Nov. 30, 2017.

 

  1. The participants can arrive either at the Palermo (Borsellino/Falcone) or Trapani (Birgi) airports.
  2. The cost for the transfers from the airports to Erice are as follows:
    Palermo airport-Erice (auto x 4): 90 Euros
    Palermo airport-Erice (minibus x 7): 145 Euros
    Trapani airport-Erice (auto x 4): 60 Euros
    Trapani airport-Erice (minibus x 7): 90 Euros

     The participants should send us an e-mail containing their date of arrival, airport of arrival, hour of arrival and flight number. We will organize the transfer and communicate the pick-up information via e-mail to the participant.

 

  1. Hotel Villa San Giovanni

     Viale Nunzio Nasi, 12
     91016 Erice

  1. Costs for the hotel are as follows:

     In B/B Matrimonial/Double: 60 Euros
     In B/B Double single use: 50 Euros
     In B/B Single: 40 Euros
     In half board Matrimonial/double: 90 Euros
     In half board double single use: 65 Euros
     In half board Single: 55 Euros
     In full board Matrimonial/double: 120 Euros
     In full board double single use: 80 Euros
     In full board single: 70 Euros

  1. Reservations should made via internet to:

    villas.giovanni@libero.it citing: 

     “Europe, Italy and the Mediterranean International Conference” including date of arrival and date of departure:

  1. The mayor of Erice, Giacomo Tranchida, will be present for the inauguration of the Conference.
  1. Gala Dinner with fish as the main course at Villa San Giovanni will cost 35 Euros per person. Please let me know and pay as soon as possible if you want to participate!